Antonello Sanna punta al potenziamento di SCM SIM e della sua struttura interna

Con 30 consulenti finanziari alla fine del 2016 (in crescita rispetto ai 23 di fine 2015), SCM – Solutions Capital Management SIM SpA è pronta per accrescere ulteriormente il proprio network, puntando su figure professionali capaci di interpretare al meglio le nuove sfide della consulenza patrimoniale.

Attualmente, il Multi Family Office fondato e amministrato da Antonello Sanna serve circa 600 clienti, con un portafoglio medio di oltre 40 milioni.

In una recente intervista, Francesco Barbato, Partner e Responsabile dell’area Commerciale di SCM SIM ha illustrato al magazine Patrimonio & Consulenza i motivi grazie ai quali l’approccio fee only sia particolarmente interessante per i consulenti finanziari che, rispetto ad altre realtà, si trovano a guadagnare di più, a parità di commissioni pagate dal cliente.

Il modello fee only, al quale SCM SIM si attiene sin dalla sua fondazione, nel 2009, consiste in un approccio “chiaro e trasparente”, evidenzia Barbato: il consulente, che non percepisce commissioni retrocesse da altri intermediari, è remunerato direttamente dal cliente, il quale si trova, tra l’altro, a pagare mediamente meno rispetto al mercato del risparmio gestito.

Proprio tale modello sostenibile è uno dei due capisaldi della campagna di recruitment di SCM SIM, assieme ad un maggiore allineamento degli interessi delle parti in causa: Consulente, Cliente e Società.

Nel suo colloquio con P&C, Barbato fa inoltre notare che è in atto un radicale cambiamento nelle necessità della clientela e, di pari passo, nelle modalità in cui la consulenza deve essere concepita. Mentre in passato ci si occupava principalmente degli aspetti finanziari, oggi prevale infatti l’interesse patrimoniale della persona, dell’imprenditore o dell’azienda famiglia. È pertanto richiesta una figura che disponga di un più ampio ventaglio di competenze, che spaziano da quelle legate alla successione del patrimonio aziendale e personale sino agli aspetti fiscali.

L’identikit del consulente ideale per la società guidata da Antonello Sanna è dunque una nuova figura, che abbia un patrimonio di conoscenza e relazioni importante, un portafoglio di almeno 25 milioni e un approccio imprenditoriale, in modo da affiancare al meglio la clientela del Multi Family Office nella sua missione di “life coach”.